Attività > Relazioni e politiche di lavoro

La trasformazione del Nord-Est. Analisi storica, economica e sociologica di un territorio ''laboratorio'' dell’impresa

Giorgio Brunetti, Professore Emerito, Università Bocconi
autore del libro “Fare impresa nel Nord Est. Dal decollo alla grande crisi” (Bollati Boringhieri, 2015)

Daniele Marini, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali, Università di Padova
autore del libro “Le metamorfosi. Nord Est: un territorio come laboratorio” (Marsilio Editore, 2015)


Introduce e modera
Enrico Zaninotto, docente di Economia e gestione delle imprese, Università' degli Studi di Trento

Articolazione e contenuti

Il Nord Est è uno fra i territori più analizzati e scandagliati dell'Italia, nonostante i cambiamenti degli ultimi anni. Ancora oggi infatti chi cerca segnali di dinamicità e vuole cogliere se si stia muovendo qualcosa nel nostro Paese, volge lo sguardo a quest'area, perchéé resta un territorio in movimento ed effervescente. Il Nord Est è sinonimo di uno sviluppo trainante e sfidante, fondato su diversi modelli di impresa e capace sia di influire sulla politica nazionale sia di conquistare quote significative del mercato estero.

Daniele Marini lo intende come un anticipatore di fenomeni: un laboratorio dove si sperimentano percorsi e soluzioni nuove. Tuttavia, per considerare adeguatamente i processi in atto nella società e nell'economia dell'area dobbiamo lasciarci alle spalle l'immagine del Nord Est, che appartiene al passato e non esiste più. Perché è il fenomeno stesso ad aver subìto trasformazioni profonde. Per coglierne le trasformazioni non possiamo continuare a leggere quanto sta accadendo oggi con codici propri del passato. C'è un nuovo Nord Est da raccontare, che continua a presentare alcune peculiarità rispetto ad altri territori e che può essere considerato un vero “laboratorio”.

Giorgio Brunetti affronta la sua analisi individuando i fattori generatori della parabola e ripercorse le sue fasi distintive, dal decollo degli anni settanta-ottanta alla contrazione attuale del comparto manifatturiero a favore del terziario ad alto contenuto di conoscenza. E ogni elemento trova posto in un quadro d'insieme in cui oggi sono compresenti aziende quotate in Borsa, multinazionali tascabili, tradizionali imprese di nicchia e microimprese di subfornitura: gli assetti proprietari, le architetture societarie, gli accessi al credito, le relazioni industriali, le culture imprenditoriali e manageriali, l'innovazione, la competitività.

La partecipazione al seminario è libera e gratuita previa iscrizione online.