Attività > Paesaggio

Laboratori didattici sul paesaggio al MUSE (2021-2022)

Prosegue per l'anno scolastico 2021/2022 la collaborazione tra tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio e il MUSE – Museo delle Scienze di Trento.

Sono otto le proposte per le scuole dedicate al paesaggio all'interno dell'offerta educativa del MUSE: oltre alle tradizionali attività all'interno dei suoi spazi espositivi, nella prospettiva di questo particolare momento di emergenza sanitaria, il museo propone parallelamente interventi presso le strutture scolastiche o in spazi all'aria aperta, in parchi e giardini del territorio.

Le prenotazioni ai laboratori possono essere effettuate telefonicamente

In museo

All'interno delle sale del museo vengono proposti due laboratori, uno sulla bellezza dei paesaggi dolomitici e un altro sulla costruzione di paesaggi immaginati, e una visita guidata che propone una lettura paesaggistica dell'esposizione museali:

LE GRANDI BELLEZZE. I PAESAGGI DELLE DOLOMITI UNESCO

Laboratorio presso il MUSE
Scuola primaria (V anno); Scuola secondaria di Primo e Secondo Grado

Le Dolomiti hanno ottenuto dall'UNESCO nel 2009 il riconoscimento di Patrimonio dell'Umanità, in base a criteri che ne definiscono l'eccezionale valore geologico ed estetico. Qual è il legame tra geologia, estetica e paesaggio? Attraverso la scoperta degli elementi caratteristici dei paesaggi dolomitici, la loro antica genesi marina, l'osservazione di reperti di rocce e di fossili e le rappresentazioni emotive che questi possono suscitare, emergeranno nuove idee sull'unicità e sul senso della bellezza di quest'area. A conclusione sarà possibile riflettere sulle responsabilità dell'uomo per la conservazione di questo Patrimonio dell'Umanità.

COSTRUIRE E RACCONTARE PAESAGGI

Laboratorio presso il MUSE
Scuola primaria (V anno); Scuola secondaria di Primo e Secondo Grado

L'attività è pensata in modo da consentire l'espressione della creatività manuale dei partecipanti mettendoli alla prova nella costruzione di paesaggi immaginati e intesi come luoghi in cui vivere bene. Il lavoro, che prevede l'impiego di materiali precostruiti o creati sul momento seguendo la fantasia, si svolgerà in sottogruppi con l'intento di sollecitare la condivisione delle decisioni e delle scelte, esercitando competenze come il saper ascoltare, comunicare e interagire con gli altri in modo costruttivo. Per gli studenti di target più elevati il compito di costruzione sarà più impegnativo e più strutturato, con l'obbligo di inserire elementi a scelta che svolgano diverse funzioni (culturale, lavorativa, ricreativa, sanitaria, etc.).

VISITA GUIDATA NATURA E PAESAGGIO. ESPLORAZIONI DENTRO AL MUSE

Visita guidata presso il MUSE
Scuola primaria (V anno); Scuola secondaria di Primo e di Secondo Grado

Un percorso attraverso le sale espositive con un occhio di riguardo al tema paesaggio, ai suoi mutamenti nel tempo e nello spazio, all'impronta lasciata dall'uomo su di esso e alla ricerca di possibili vie per conseguire un futuro sostenibile. Concluderà la visita un'attività dal titolo "Le montagne più belle del mondo": attraverso i racconti dei primi esploratori delle Dolomiti e le scoperte degli scienziati si presentano le montagne riconosciute dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità. Le Dolomiti diventano così un'occasione per parlare di geologia, culture, avventura, bellezza e responsabilità umana.

Escursioni

Due sono invece le escursioni sul territorio, rispettivamente al sobborgo di Sardagna e al Doss di San Rocco, finalizzate a comprendere come gli aspetti naturali e quelli culturali siano componenti inscindibili di ogni paesaggio:

SARDAGNA, UNA TERRAZZA PANORAMICA SULLA CITTÀ DI TRENTO

Escursione
Scuola Secondaria di Primo Grado; Scuola Secondaria di Secondo Grado

A Sardagna esiste uno straordinario punto panoramico sulla Valle dell'Adige e in particolare sulla città di Trento, facilmente raggiungibile con una funivia dal centro della città. L'attività propone, proprio da questo punto, una lettura del paesaggio utilizzando, oltre alla vista, anche il senso dell'udito. Il confronto fra paesaggio attuale e paesaggio del passato viene svolto grazie all'analisi di mappe di diversa epoca, alla lettura di testi storici e al riconoscimento delle tracce di alcuni importanti eventi naturali e geologici accaduti in questa parte di territorio.

SCENE DI PAESAGGI DAL DOSSO DI SAN ROCCO

Escursione
Scuola Primaria (IV - V anno); Scuola Secondaria di Primo Grado; Scuola Secondaria di Secondo Grado

Trento è attorniata da tre dossi, uno dei quali è il Dosso San Rocco che raggiunge i 460 m s.l.m. Il dosso, attraversato da molteplici sentieri, si contraddistingue per alcuni punti panoramici, da cui si può ammirare la città di Trento e la Valle dell'Adige. L'escursione permette di interpretare il paesaggio con una modalità investigativa, attraverso tappe sensoriali, interrogando fonti storiche, mappe vecchie fotografie e altri documenti. Ne emergeranno riflessioni su come e perché il paesaggio è stato plasmato dall'uomo nel tempo, sugli elementi di rischio in esso presenti e su quanto sia fondamentale una corretta gestione del territorio da parte dell'uomo.

Attività in classe e online

Completano la proposta due laboratori, uno sui paesaggi utopici e l'altro sulle Dolomiti, in cui è prevista la presenza in classe di un educatore museale, e un laboratorio condotto in diretta dalle sale del museo:

LE DOLOMITI E I "NUMERI CHIAVE" PER DECIFRARLE

Laboratorio in classe
Scuola Secondaria di Primo Grado; Scuola Secondaria di Secondo Grado (I e II anno)

L'UNESCO ha riconosciuto le Dolomiti come Patrimonio Mondiale facendo riferimento a due criteri che rientrano nel gruppo dei cosiddetti “criteri naturali”, distinti da quelli definiti “culturali”. Le Dolomiti però non sono soltanto “natura”, ma anche “cultura”, perché – come accade in tutti i paesaggi abitati dall'uomo – cultura e natura sono anche in questi luoghi profondamente intrecciate. Per decifrare queste combinazioni, reinventando la logica investigativa tipica di un'escape room (dove intuito, ingegno e collaborazione fanno la differenza), il laboratorio coinvolge i gruppi in una sfida e in un'indagine appassionante, al tempo stesso storico-culturale e scientifica, su una serie di “numeri” significativi per ricostruire il passato e per leggere il presente dei paesaggi dolomitici.

LA SFIDA: PROGETTARE PAESAGGI UTOPICI TRA BELLEZZA E SOSTENIBILITÀ

Laboratorio in classe
Scuola Primaria (IV - V anno); Scuola Secondaria di Primo Grado; Scuola Secondaria di Secondo Grado

Come dev'essere un paesaggio ideale in cui vivere bene? Probabilmente non tutti la pensiamo allo stesso modo, ma in questo laboratorio le decisioni – alla fine – andranno prese insieme, confrontando quel che accade quando si sceglie di testa propria, da soli, con quel che accade discutendo le scelte migliori con gli altri. La sfida è questa: il gruppo avrà a disposizione un'isola disabitata in cui fondare un luogo in cui vivere bene, al meglio delle proprie possibilità, tenendo conto dei “vincoli” ambientali (ad esempio della vulnerabilità naturalistica dell'area e delle sue caratteristiche idrogeologiche, etc.). Il gioco educativo, attraverso l'applicazione di precise regole risulterà una “palestra” per allenare le competenze di cittadinanza, per comprendere il concetto di paesaggio attraverso uno scenario simulato di “paesaggi utopici” e infine per introdurre agli obiettivi per lo sviluppo sostenibile concordati dall'ONU (Global Goals 2030). Come accade nella realtà, anche qui le scelte possibili saranno tante… quale paesaggio ideale saprà immaginare il vostro gruppo?

Escursioni: Il MUSE accompagna le classi in vere esperienze di natura con escursioni guidate alla scoperta del territorio, stimolando l'esplorazione e la scoperta del paesaggio che narra la storia geologica, del patrimonio naturalistico dalla sorprendente biodiversità e dell'azione millenaria dell'uomo.

LE GRANDI BELLEZZE

Laboratorio in diretta dalle sale del museo
Scuola Primaria (IV e V); Secondaria di Primo Grado

L'attività, ambientata nelle sale dedicate alla geologia delle Dolomiti, vuole presentare l'eccezionale valore paesaggistico e scientifico posseduto dal Patrimonio Mondiale UNESCO. Per raggiungere l'intento ci si avvarrà di alcune brevi esperienze, come un piccolo esercizio poetico, la visione di esperimenti scientifici e di reperti fossili opportunamente selezionati.