Formazione > Formazione

LEGGERE, SCRIVERE. Luoghi e progetti: rappresentare per interpretare

Se il progetto è modificazione, come affermato da Vittorio Gregotti, la comprensione del contesto di cui esso si costituisce come testo è un momento imprescindibile dell'attività progettuale e determina in maniera cruciale la qualità degli esiti.

Per leggere i luoghi e selezionarne i contenuti è necessario procedere alla loro rielaborazione attraverso la rappresentazione degli elementi materiali e immateriali di cui essi sono composti.

Sin dalla fase ideativa la corretta e appassionata rappresentazione dei contesti offre l'opportunità di una continua messa a punto della capacità del progetto di interagire con ciò che esiste e, a progetto concluso, permette a chi ha il compito di valutare e verificare i progetti di verificare la loro adeguatezza ai luoghi in termini di scale, principi, forme e consistenze materiche.

Rappresentare il contesto nelle sue diverse scale è dunque un passaggio necessario al fine di una qualsiasi elaborazione progettuale.

Il ciclo di tre seminari propone una riflessione sulle occasioni che una lettura del contesto e la sua rappresentazione offrono al fine della definizione di progetti di architettura localmente radicati e correttamente comunicati.

Il percorso affronta gli aspetti metodologici e operativi della rappresentazione del progetto nel quadro paesaggistico, territoriale ed urbano che contribuisce a modificare.

La sfida consiste nel qualificare il processo progettuale, di agevolare la valutazione degli elaborati e di sostenere una corretta esecuzione delle singole opere, intese come componenti del progetto collettivo del paesaggio.

I partecipanti, nel corso di alcuni momenti dedicati di interazione, saranno sollecitati ad individuare gli elementi chiave di una corretta rappresentazione progettuale.

Coordinamento

Comitato di indirizzo
Gianluca Cepollaro, Direttore tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio
Mauro Marinelli, Architetto, Docente a contratto di Progettazione Architettonica, AUIC, Politecnico di Milano
Giorgio Tecilla, Direttore Osservatorio del Paesaggio del Trentino
Angiola Turella, Dirigente Servizio Urbanistica e Tutela del Paesaggio, Provincia autonoma di Trento
Bruno Zanon, Comitato Scientifico tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio

Organizzazione e didattica
Umberto Anesi, tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio

Articolazione e contenuti

Il percorso si articola in tre incontri, che saranno tenuti on-line. Per ciascun incontro è previsto un momento finalizzato ad individuare con i partecipanti gli elementi chiave per una corretta rappresentazione progettuale.

25 marzo | ore 15.00 – 18.00

LUOGHI E PROGETTI: RAPPRESENTARE PER INTERPRETARE

Coordina Bruno Zanon, Comitato Scientifico tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio
Introduce Angiola Turella, Dirigente Servizio Urbanistica e Tutela del Paesaggio, Provincia autonoma di Trento

Leggere e scrivere: appunti sulla modificazione

Mauro Marinelli, Architetto, Docente a contratto di Progettazione Architettonica, AUIC, Politecnico di Milano

Paesaggio terrestre e paesaggio celeste: immagini di un futuro remoto

Agostino De Rosa, architetto, professore ordinario, insegna Fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva e Teoria e storia dei metodi di rappresentazione presso lo IUAV di Venezia

Opinioni a confronto: Elementi chiave per una corretta rappresentazione progettuale. Interazione tra i relatori e i partecipanti

 

7 aprile | ore 15.00 – 18.00

APPROCCI, TECNICHE, STRUMENTI

Coordina Bruno Zanon, Comitato Scientifico tsm|step Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio

Rappresentazione e comunicazione del progetto di paesaggio

Andrés Holguín, Docente e coordinatore del Master in Architettura del Paesaggio e del Giardino, Università IUAV di Venezia

Thinking - Drawing, la rappresentazione come pratica riflessiva 

Luigi Latini, Comitato scientifico studi e ricerche sul paesaggio Fondazione Benetton Studi e Ricerche, Docente di Architettura del paesaggio all'Università IUAV di Venezia

Opinioni a confronto: Elementi chiave per una corretta rappresentazione progettuale. Interazione tra i relatori e i partecipanti

  

14 aprile | ore 15.00 – 18.00

LUOGHI, SGUARDI, PROGETTI

Coordina Mauro Marinelli, Architetto, Docente a contratto di Progettazione Architettonica, AUIC, Politecnico di Milano

Progetti ed esperienze

Giancarlo Floridi, OnSite Studio (Milano, Italia)
Armando Ruinelli, Ruinelli Associati (Soglio, Svizzera)
Francesca Favero, Caterina Franco, Anna Frigerio, LabF3 (Milano, Italia)

Opinioni a confronto: Verso le linee guida per la rappresentazione progettuale. Interazione tra i relatori e i partecipanti

Destinatari

Il percorso si rivolge a tecnici e professionisti componenti delle CPC, funzionari del sistema pubblico, liberi professionisti, iscritti agli Ordini professionali della provincia di Trento, coinvolti in attività di progettazione e di valutazione dei progetti. Si prevede una partecipazione bilanciata tra le diverse classi di destinatari. L'attestato di frequenza verrà rilasciato ai partecipanti che abbiano frequentato almeno l'80%del percorso.

Modalità di iscrizione

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione online entro il 20 marzo 2021. Le domande verranno accolte in ordine temporale di iscrizione.

Ulteriori informazioni

Crediti Formativi Professionali

Sono previsti CFP per:

  • 9 CFP Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Trento
  • 1,25 CFP Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Trento
  • 9 CFP Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Trento
  • 9 CFP Periti Industriali della Provincia di Trento

  

Riserva
La tsm Trentino School of Management si riserva la facoltà di rinviare o annullare il percorso dandone comunicazione ai partecipanti entro 3 giorni lavorativi prima della data di inizio corso e provvedendo al rimborso dell'importo ricevuto senza ulteriori oneri. La tsm Trentino School of Management si riserva inoltre la facoltà, per esigenze organizzative, di modificare il programma, modificare la sede del corso e/o di sostituire i docenti indicati con altri docenti di pari livello professionale.