Data 13/06/2018

stepincontra: Michele De Lucchi. PAESAGGIO FA RIMA CON SAGGIO

Trento, MUSE-Museo delle Scienze

»ISCRIZIONI CHIUSE«


13 maggio 2018 | ore 17.30
Trento, MUSE, Sala conferenze

Con

Giuseppe Varchetta
Autore di Schegge di Memoria. Michele De Lucchi quasi privato, Corraini, 2018

Intervengono

Gianluca Cepollaro
Direttore step Scuola per il governo del territorio e del paesaggio

Michele Lanzinger
Direttore MUSE- Museo delle Scienze

Susanna Serafini
Presidente Ordine Architetti PPC della provincia di Trento
 

Michele De Lucchi

Michele De Lucchi è nato nel 1951 a Ferrara e si è laureato in architettura a Firenze. Negli anni dell'architettura radicale e sperimentale è stato tra i protagonisti di movimenti come Cavart, Alchimia e Memphis.

Ha disegnato lampade ed elementi d'arredo per le più conosciute aziende italiane ed europee, come Artemide, Olivetti, Alias, Unifor, Hermès, Alessi. È stato responsabile del Design Olivetti dal 1988 al 2002, ha sviluppato progetti sperimentali per Compaq Computers, Philips, Siemens, Vitra e ha elaborato varie teorie personali sull'evoluzione dell'ufficio.

Ha progettato e ristrutturato edifici in Giappone per NTT, in Germania per Deutsche Bank, in Svizzera per Novartis e in Italia per Enel, Olivetti, Piaggio, Poste Italiane, Telecom Italia. Dal 1999 è stato incaricato della riqualificazione di alcune Centrali elettriche di Enel. Per Deutsche Bank, Deutsche Bundesbahn, Enel, Poste Italiane, Telecom Italia, Hera, Intesa Sanpaolo, Unicredit e altri istituti italiani ed esteri ha collaborato all'evoluzione dell'immagine introducendo innovazione tecnica ed estetica negli ambienti di lavoro.

Ha curato molti allestimenti di mostre d'arte e design e progettato edifici per musei come la Triennale di Milano, il Palazzo delle Esposizioni di Roma, il Neues Museum di Berlino, la Fondazione Cini a Venezia e le Gallerie d'Italia - Piazza Scala, il Museo della Pietà Rondanini e Casa Manzoni a Milano. 

Ha realizzato numerosi progetti di architettura per committenze private e pubbliche in Georgia, come il Ministero degli Affari Interni e il Ponte della Pace a Tbilisi. 

Recentemente ha sviluppato vari progetti per la città di Milano: i padiglioni per Expo 2015 (Padiglione Zero, Expo Center e Padiglione Intesa Sanpaolo) e l'UniCredit Pavilion in piazza Gae Aulenti.

Nel 2017 è stato inaugurato l'hub creativo Garage Italia, all'interno di una storica stazione di rifornimento carburante di Milano, appositamente restaurata sotto la guida di Michele De Lucchi.

Attualmente sta progettando resort di lusso in varie parti del mondo: a Tbilisi in Georgia, a Pechino in Cina, sul complesso del Rokko-san vicino a Osaka in Giappone.

Anche in Italia, in particolare a Milano e a Norcia, sta sviluppando importanti progetti per hôtellerie. Sta realizzando una pista da sci indoor, lunga 300 metri che sorgerà nell'area dell'ex fabbrica Alfa Romeo di Arese, dove su suo disegno sono già stati costruiti un grande centro commerciale e gli headquarters del “Centro Guida Sicura”. 

A Bresso sta progettando un Campus dedicato alla ricerca e all'innovazione tecnologica in campo farmaceutico. In fase di sviluppo è il progetto di un ponte panoramico sul lago di Borovoe nel nord del Kazakistan.

Il Misk Art Institute lo ha selezionato come architetto del suo nuovo headquarters, che verrà costruito a Riyadh in Arabia Saudita.

Il lavoro professionale è stato sempre accompagnato dalla ricerca personale sui temi del progetto, della tecnologia e dell'artigianato.

Dal 2004 scolpisce “casette” in legno con la motosega per cercare l'essenzialità della forma architettonica.

Nel 2003 il Centre Georges Pompidou di Parigi ha acquisito un rilevante numero dei suoi lavori. Una selezione dei suoi oggetti è esposta nei più importanti musei d'Europa, degli Stati Uniti e del Giappone.

Nel 2000 è stato insignito della onorificenza di Ufficiale della Repubblica Italiana dal Presidente Ciampi per meriti nel campo del design e dell'architettura.

Nel 2001 è stato nominato Professore Ordinario per chiara fama presso la Facoltà di Design e Arti dell'Istituto Universitario di Architettura a Venezia.

Nel 2006 ha ricevuto la Laurea ad Honorem dalla Kingston University, per il suo contributo alla “qualità della vita”.

Dal 2008 è Professore Ordinario presso la Facoltà del Design al Politecnico di Milano e Accademico presso l'Accademia Nazionale di San Luca a Roma.

Per tutto il 2018 sarà direttore di “Domus”, primo di 10 architetti che si alterneranno alla guida della rivista fino al 2028.

 


La partecipazione all'incontro è gratuita previa iscrizione obbligatoria 

»ISCRIZIONI CHIUSE«