News/Approfondimenti > marzo 2022

Tsm protagonista della sfida per il cambiamento

di Maurizio Fugatti

Il 2022 si era aperto con importanti segnali di ripresa dal punto di vista economico, che purtroppo sono ora messi in discussione dalla situazione di instabilità e di tensione internazionale causata dalla guerra scoppiata ai confini dell'Europa. L'auspicio è che il senso di responsabilità e il dialogo possano a breve prevalere e dunque restituirci un clima di fiducia nel futuro su cui costruire una nuova fase di sviluppo. Da parte nostra, come sistema Trentino, inteso in tutte le sue componenti, pubbliche e private, dobbiamo prepararci a mettere in campo il massimo sforzo per cogliere le opportunità che abbiamo davanti a noi, ben sapendo che molte cose cambieranno.

In questo percorso, un ruolo importante lo giocherà, senza dubbio, la formazione, ovvero la capacità di essere pronti ad affrontare la sfida del cambiamento. Per tali ragioni, sono convinto che Tsm – Trentino School of Management, la scuola di formazione della Provincia autonoma di Trento, che celebra quest'anno il 20° anniversario di fondazione, possa giocare un ruolo davvero strategico rispetto alle complesse questioni di cui dovremo farci carico. 

Tsm, che rappresenta una sorta di unicum nel panorama italiano, contribuisce allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro territorio, attraverso la formazione permanente, l'aggiornamento e l'accrescimento diffuso delle competenze. Nel 2022, in conseguenza di una modifica normativa voluta dalla Provincia, Tsm ha assunto un ruolo ancora più strategico all'interno del sistema pubblico trentino. Oltre all'impegno, sempre più consolidato e qualificato per la formazione dei dipendenti pubblici, Tsm è infatti chiamata a sostenere, in maniera ancora più marcata, lo sviluppo e la governance del territorio, mettendo in campo una serie di attività di studio e di ricerca finalizzate ad individuare e a dare risposta a quei bisogni formativi che ci permettono di rendere più competitivo e vivibile il territorio del Trentino. 

Abbiamo di fronte una sfida che non esito a definire epocale. Riusciremo a vincerla solamente se sapremo lavorare con grande senso di responsabilità e in una logica di sistema.