Press > Smtc 11.07.2019

Bisesti, "Il 2050, una sfida che abbiamo davanti ma che dobbiamo affrontare con i piedi per terra"

Continua per tutto il giorno il Forum per la cultura in Trentino

"Partiamo da un dato di fatto e cioè che il Trentino in cultura ha investito molto negli anni e i numeri, i dati parlano da soli sia in rapporto al Pil sia rispetto ad altri territori, perciò la cultura qui è un settore fondamentale. Io e tutta la giunta crediamo molto al lavoro che può essere fatto da chi sta intorno a questo tavolo. Vi chiedo di avere uno sguardo a lungo termine, le sfide che abbiamo davanti rappresentano un orizzonte al quale dobbiamo guardare però con i piedi per terra e sapendo delle tendenze a livello italiano ma soprattutto internazionale. Dobbiamo far sì che il Trentino possa e debba continuare ad essere punto di riferimento cercando di coinvolgere tutto il mondo della cultura del Trentino", così l'assessore alla cultura Mirko Bisesti in apertura dei lavori del Forum per la cultura in Trentino.

"Ringrazio di cuore tutti i relatori, coloro che sono qui oggi, il mondo delle istituzioni culturali del Trentino. - ha continuato l'assessore Bisesti - Dobbiamo avere questa ambizione perché il mondo cambia e cambia velocemente. L'Europa, in questo mondo sempre più globalizzato, sta rischiando, un tempo era il centro del mondo dal punto di vista cultura, economico, del commercio, dell'innovazione. Quello che dobbiamo riuscire a fare è cercare di dare il nostro meglio per non perdere delle occasioni solo perchè, magari, non ci siamo impegnati abbastanza. Questo, soprattutto in un'ottica futura, non ce lo potremmo mai perdonare. Dobbiamo tanto alla nostra storia locale a quella d'Italia e dell'Europa perciò dobbiamo veramente tantissimo alla nazione e al continente dal quale proveniamo però, per riuscire oggi, nel 2019, ad avere uno sguardo di prospettiva, in un mondo sempre più competitivo anche per quanto riguarda la cultura è assolutamente fondamentale, dal mio punto di vista, riunire ed avere le idee più innovative, le idee più sensate, più realizzabili. Sono sicuro che questo tavolo non produrrà un libro dei sogni ma delle linee guida che sono percorribili dal Trentino e che lo possa rendere maggiormente attrattivo dal punto di vista culturale che vuol dire anche attrattività turistica e di innovazione. Vorrei che fra le vostre proposte ci fossero anche le linee guida di come coinvolgere le imprese culturale trentine, tutte. Vorrei che il sistema cultura del Trentino fosse prima di tutto unito, perchè unito può fare la differenza", ha concluso l'assessore Bisesti che ha partecipato ai lavori per tutta la mattina.

Dopo l'assessore Bisesti è toccato al dirigente generale Roberto Ceccato, al dirigente di servizio Claudio Martinelli nonché al soprintende Franco Marzatico illustrare com'è strutturato oggi il sistema, quali i punti di forza e le carenze/mancanze dei vari ambiti culturali. Dopodichè ha preso la parola il segretario del Forum Renato Troncon, professore di Estetica e Filosofia de Linguaggio presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Trento.

Il Forum si avvale delle competenze, professionalità ed esperienze di Corinne Baroni, Pietrangelo Buttafuoco, Edoardo Dallari, Monsignor Pasquale Iacobone, Stefano Lombardi, Davide Rondoni e Paola Fandella (quest'ultimo, oggi, impossibilitata a partecipare).