Press > 09.08.2019

Firmato il patto del decennale Dolomiti Unesco

In Sala Belli ieri a firmare il Patto Decennale Dolomiti Patrimonio UNESCO, oltre all'assessore all'ambiente Mario Tonina, vicepresidente della Provincia autonoma e della Fondazione Dolomiti, c'erano i vertici e rappresentanti dei partner con i quali sono già in essere molte iniziative dedicate al Bene Naturale Dolomiti:

Anna Facchini per SAT-Società Alpinisti Tridentini ; Mauro Leveghi per Trento Film Festival; Sabrina ZulloTSM – STEP Trentino school of Management; LauraStrada per MUSE-Museo delle Scienze; Filippo Prosser per Fondazione Museo Civico di Rovereto; Maurizio Rossini per Trentinomarketing.

Le firme dei vertici di MART – Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, IPRASE e Autostrada del Brennero S.P.A. saranno acquisite nei prossimi giorni.

“Dopo i festeggiamenti a Cortina d'Ampezzo il 26 giugno scorso – ha detto il vicepresidente Mario Tonina – e attraverso la delibera approvata dalla giunta della Provincia il 29 luglio scorso, con la firma di questo Patto vogliamo dare ancora più valore a tutte le iniziative (validate anche dal Comitato di celebrazione del Decennale) che si possono realizzare attraverso tutti voi che siete a questo tavolo e che, insieme a noi, volete riaffermare l'importanza del riconoscimento UNESCO alle Dolomiti da ogni punto di vista.”

“Non solo il valore naturale, paesaggistico e geologico ma anche quello socio-economico e della sostenibilità. Per poter tramandare alle future generazione i valori del Bene Naturale Dolomiti UNESCO è necessario un valido lavoro di squadra, per questo vi voglio ringraziare per aver voluto aderire al Patto. Insieme è importante intensificare l'impegno per la promozione e valorizzazione delle Dolomiti in ambito culturale, scientifico e turistico.”

“E, per fare questo serve la vostra competenza, il vostro aiuto e impegno che già negli anni scorso si è dimostrato costante”.

I vertici degli enti presenti, a loro volta, hanno voluto ringraziare la Provincia autonoma, il vicepresidente Tonina e anche, in particolare, il dirigente Fabio Scalet con il suo staff coordinato da Giuliana Cristoforetti che nel corso di tutto l'iter di candidatura e per questi dieci anni hanno garantito una comunicazione e coordinazione trasversale e hanno agevolato il lavoro delle Reti funzionali della Fondazione Dolomiti UNESCO che sono in capo al Trentino vale a dire la Rete della Formazione e Ricerca Scientifica e la Rete del Patrimonio geologico.

Molte le iniziative già realizzate o ancora in corso inserite nel Patto del Decennale, fra queste ricordiamo:

  • A cura della SAT, Societa Alpinisti Tridentini: Conferenza “La sostenibilità come forma mentis”; Dolomiti di carta.
  • I libri delle Dolomiti al Laboratorio Spazio Alpini e Dolomiti UNESCO: diffusione del prezioso materiale conservato nella biblioteca della SAT; Parlano le Dolomiti: raccolta di citazioni di una biblioteca di opere sulle Dolomiti che ha 200 anni.
  • A cura del Trento Film Festival: Rassegne cinematografiche, CinemAmore, Alliance for Mountain Film; Cine Campus: esperienza residenziale per i ragazzi dagli 8 ai 13 anni sul tema del Cinema e le Dolomiti UNESCO; Sinergia in occasione di Matera Capitale della cultura 2019
  • A cura di TSM-STEP: Dolomiti 10 anni dopo, iniziativa di formazione ammistrazioni; Educo con le Dolomiti. Lapbook in collaborazione con IPRASE; Dolomiti Patrimonio UNESCO – Premio di laurea
  • A cura della Fondazione Museo Civico di Rovereto: Cinema Archeologico – serata dedicata al film sulla  tematica Dolomiti rassegne cinematografiche, Cinemamore, Cinema Archeologico e Religion Today; Piccolo Atlante delle 50 specie floristiche delle Dolomiti – App per smartphone; Grande mostra sulla flora e gli ambienti del Trentino: una stanza per le Dolomiti Bene UNESCO