News/Approfondimenti > News 17 novembre 2020

Premio Andreolli: tra i vincitori il Masetto di Geroli

Il Trentino

«Da Rovereto arriva un messaggio chiaro, ovvero che il futuro e la qualità del paesaggio dipendono anche dalle azioni quotidiane che ognuno di noi compie»: lo ha detto, nell'ambito della seconda edizione del “Premio Giulio Andreolli. Fare paesaggio”, Gianluca Cepollaro, direttore di Tsm-Step (Scuola per il governo del territorio e del paesaggio), che collabora con l'Osservatorio del paesaggio della Provincia nell'iniziativa che intende ricordare la figura dell'ingegnere e architetto roveretano coprogettista del Mart, riconoscendo il suo importante ruolo nell'attività di promozione della cultura e della qualità urbanistica. Alla cerimonia di premiazione in streaming della selezione di opere, progetti e iniziative realizzati nel territorio alpino è intervenuto anche il vicepresidente della Giunta provinciale (e assessore all'ambiente all'urbanistica) Mario Tonina.

«Il Premio triennale – ha esordito Tonina – persegue l'obiettivo ambizioso di tracciare l'evoluzione delle iniziative che caratterizzano l'azione, in campo paesaggistico, nelle nazioni alpine europee. Inoltre l'iniziativa concorrerà a costruire, progressivamente, una fonte selezionata di casi, utili a chi si confronta a vario titolo con i delicati temi della gestione paesaggistica. L'organizzazione è curata dallo stesso Osservatorio con il prezioso supporto della Scuola per il governo del territorio e del paesaggio. Il Forum ha stabilito coralmente di associare il Premio alla memoria dell'ingegnere Giulio Andreolli scomparso l'anno scorso, che dell'Osservatorio è stato uno dei componenti più sensibili e attivi e che del Premio è stato promotore oltre che membro del comitato organizzatore. Siamo quindi particolarmente grati che Rita Matano, moglie di Giulio, abbia accettato il nostro invito a partecipare a questa cerimonia».

La selezione ha riguardato tre ambiti tematici: “programmazione, pianificazione e iniziative gestionali”, “segni nel paesaggio”, “cultura, educazione e partecipazione”. La giuria, presieduta dal paesaggista portoghese João Nunes: il primo premio per il primo ambito tematico è stato assegnato alla società agricola trentina Colle San Biagio per il progetto “Colle San Biagio: inclusione sociale, agricoltura biologica, turismo sostenibile”. Dalla Lombardia arriva invece il “Progetto di una nuova azienda agricola a Contrada Bricconi” dello studio di architetti LabF3 che ha vinto nell'ambito “segni del paesaggio”. Infine, il progetto “Il Masetto” di Gianni Mittempergher e di Giulia Mirandola si è aggiudicato il primo posto nella sezione “cultura, educazione e partecipazione”. 

when people come to Lady-Datejust series, Rolex fakes Watches submariner, or Macrolon composite construction. The case is sleek and curved to fit and the bracelet and clasp match the expectations of the era. And it is clean. Hyper-clean. Omega is obsessed with cleanness. Their argument? Who wants a watch where you can see dust particles under the glass. Talking about dust: did you know that there is a lot of dust around us that we cannot see? When we do nothing, founder and chairman of Cie. Financiere Richemont SA Johann Rupert.