Montagne in Rete

Montagne in Rete nasce per la montagna, in montagna. Un progetto della Trentino School of Management di Trento che esce dai propri confini regionali e guarda a tutta la montagna italiana ricercandone, valorizzandone e mettendone a sistema peculiarità e note comuni. Un'iniziativa che ha come obiettivo, sulla scia delle riflessioni contenute nei due ultimi lavori di tsm sul tema  “La montagna perduta” e “La quota dello sviluppo”, di liberarsi da un pregiudizio radicato quanto scorretto: quello per cui, in modo automatico, a determinate condizioni naturali vanno associate determinate condizioni economiche e sociali.

Non è così. Crescita, innovazione, inclusione, se supportati da un'organizzazione infrastrutturale e amministrativa robusta, flessibile e affidabile, possono diventare elementi tipici della montagna. Un programma d'azione attento e capace, infatti, può sostenere e favorire il ripopolamento stabile e di qualità di tali aree.

Fondamentale, per far sì che ciò avvenga, è una rinnovata attenzione politica capace di garantire servizi essenziali e infrastrutture materiali e immateriali, possibilità di accesso alle reti digitali, investimenti in formazione d'eccellenza e approcci multifunzionali così da risolvere carenze pregresse e asperità territoriali. Ma soprattutto, ricorda l'antropologo Annibale Salsa, membro del comitato scientifico della Fondazione Dolomiti Unesco, già presidente nazionale del Club alpino italiano, è necessario «l'autogoverno, uno strumento antico che si è rivelato molto efficace per evitare l'emorragia demografica dei territori di montagna».