Prospettive di revisione dello Statuto speciale
in Pubblicazioni e Libri

Prospettive di revisione dello Statuto speciale

I lavori della Consulta e della Convenzione nel 2016-2018

a cura di Flavio Guella

Quarta di copertina

Le leggi provinciali n. 3/2015 a Bolzano, e n. 1/2016 a Trento hanno previsto due organismi – rispettivamente la Convenzione e la Consulta – istituiti con lo scopo di avviare un cammino di riforma che potesse portare alla revisione dello Statuto speciale di autonomia. Alla chiusura dei lavori, a fine 2017 ed inizio 2018, i due organismi hanno prodotto una serie di proposte che forniscono un interessante quadro non solo delle soluzioni tecniche percorribili per la riforma dell'autonomia, ma anche di come – attraverso le lenti del diritto – politici, tecnici e cittadini percepiscono le istituzioni autonome e della direzione nella quale ne auspicano la revisione. Un'analisi comparata delle attività che Consulta e Convenzione hanno condotto in vista di un terzo statuto riveste quindi un interesse culturale e istituzionale che prescinde dagli esiti del procedimento di riforma così avviato. Per l'amministrazione provinciale – in particolare – i lavori svolti offrono una prospettiva non solo sulla dimensione politica dell'autonomia voluta dalle comunità trentina ed altoatesina, ma anche una mappa dei temi più attuali e cruciali per il buon funzionamento della macchina pubblica e per un auspicabile sviluppo del territorio.

Centro Duplicazioni Interno PAT

Presentazione

di Paola Borz

Direttrice generale di tsm-Trentino School of Management

 

1. Il procedimento verso la riforma dello Statuto

1.1. Perché una riforma dello Statuto?

1.2. Come si riforma lo Statuto?

1.3. A cosa servivano Convenzione e Consulta?

 

2. I risultati dei lavori della Convenzione e della Consulta

2.1. I valori comuni alle due realtà provinciali

2.2. La convergenza sui profili istituzionali di livello provinciale e locale

2.3. La convergenza sulle “rivendicazioni” in una legittimazione transfrontaliera dell'autonomia

2.4. La convergenza sulla richiesta di nuovi, e più certi, spazi legislativi e amministrativi

2.5. La convergenza sul ruolo cruciale dell'autonomia finanziaria e tributaria

2.6. La convergenza sul ruolo strategico della normativa di attuazione

 

3. I punti di distacco tra le due proposte autonomiste

3.1. Due approcci al ruolo delle minoranze

3.2. Il futuro della Regione

3.3. L'idea di autodeterminazione

 

4. Oltre il dialogo tra le due comunità provinciali: il ruolo dello Stato

4.1. I rapporti con lo Stato dentro o fuori lo Statuto?

4.2. Le prospettive della riforma dello Statuto